Caratteristiche e qualità dell’islam che invogliano ad abbracciarlo

Muslims Islam Mosque Prayer

Visto che l’islam è l’ultima religione celeste era necessario che presentasse caratteristiche e qualità che la distinguessero dalle religioni precedenti e che ne facessero una religione valida per ogni tempo ed ogni spazio.Tra le caratteristiche e qualità dell’islam consideriamo:

  • L’islam è la religione della vera natura che non è in contraddizione con la natura umana autentica, creata da Allah, nè con la ragione: Leo Tolstoi dice: La religione islamica conquisterà il mondo intero perchè è in armonia con la ragione e la saggezza.(Mohammed nella letteratura scientifica», di Mohammed Othman Mohammed).
  • L’islam è l’ultima delle religioni rivelate: ha completato e perfezionato le religioni precedenti, le ha annullate e ne è stata il suggello.
  • L’islam ha fonti autentiche pure che non presentano insufficienze, corruzioni o giunte; la sua legislazione è di origine divina, stabile e non permette di essere cambiata o mutata: l’islam è la religione che non ha subito corruzioni come è stato il caso delle religioni precedenti: Michael Hart scrive nel suo libro: Studio dei cento: Non vi è nella storia delle religioni un libro che sia rimasto intatto senza corruzione o cambiamento al di fuori del Corano, trasmesso da Mohammad.(Stesso riferimento indicato: «Mohammed nella letteratura scientifica», di Mohammed Othman Mohammed.).
  • L’islam ha incluso nella sua globalità tutti gli aspetti della vita politica, sociale, economica ... é una religione globale che copre le dimensioni della vita terrestre e quelle dell’aldilà; non trascura nessun dettaglio della vita del musulmano. Abdul Rahmane Ibn Zaid – Allah sia soddisfatto di lui – riferisce: Si disse a Salman (persiano seguace del profeta) : Il vostro profeta vi ha insegnato tutto, perfino come andare in bagno e pulirvi dagli escrementi.
    Salmane rispose:
    É vero. Ci ha vietato, quando compiamo i nostri bisogni, di affacciarci alla Qibla, e di pulirci usando la mano destra, di fare uso di meno di tre pietruzze, o di fare uso di sterco o di un osso. (Muslim n° 262).
  • Arthur Hamilton dice: Se tutti seguissero il vero, capirebbero che l’islam è l’unica soluzione ai problemi dell’umanità.

  • L’islam è una religione che non ammette imposizione o costrizione; nessuno può abbracciarlo senza esserne convinto.
  • L’islam è una religione che si rivolge a tutti senza nessuna eccezione e senza nessuna limitazione di spazio, di tempo, di condizione sociale, contrariamente alle religioni che lo hanno preceduto. Tutte le religioni precedenti erano rivolte a dei popoli determinati come la religione ebraica o il cristianesimo. Gesù ad esempio dice:Sono stato mandato per le pecore smarrite tra i figli di Israele. (Matteo, 15: 24).
Quran written with gold
Questa copia del Corano scritto con oro liquido su papiro mostra l’interesse dei musulmani verso la conservazione del Corano.

Una prova del carattere universale dell’islam, cioè rivolto a tutti gli esseri umani senza distinzione di razza, di lingua o di epoca fino all’ora del giudizio universale, sta nel fatto che il messaggero di Allah quando gli è stato rivelato il Corano ed in particolare la sura del seguente versetto

(74:1- 3): O tu che sei avvolto nel mantello, alzati e ammonisci, e il tuo Signore magnifica.

era quella una fase di transizione della predicazione islamica: dalla fase segreta si passò alla fase di predicazione pubblica ed esplicita. Il profeta cominciò ovviamente a chiamare la sua gente ad abbracciare l’islam rinunciando agli idoli; subì come si sa tutte le sofferenze e difficoltà, ma non si accontentò delle tribù arabe, bensì si rivolse subito ai reami del mondo mandando missive, avvertendoli ed invitandoli ad abbracciare la nuova religione: si rivolse ai Romani, ai re di Persia e ai re d’Etiopia.

Se non fosse cosciente della sua missione universale, non si sarebbe rivolto a quei re potentissimi specialmente in condizioni di precario equilibrio interno non stabilmente a suo favore; se non fosse per il dovere di assumere la sua missione universale non avrebbe avuto di certo quell’audacia di comunicare la notizia della nuova religione che Allah gli rivelava, destinata a tutta l’umanità. Diceva risoluto e deciso:

La parola di Allah perverrà là dove pervengono il giorno e la notte; Allah farà in modo che questa religione entri in ogni casa, con la gloria e con l’avvilimento: la gloria con la quale Allah farà trionfare l’islam e l’ avvilimento in cui Allah ridurrà la miscredenza e l’associazione.» (Imam Ahmad n°16998).
  • L’islam ha liberato l’anima umana dall’adorazione di altro che Allah.
  • L’islam è la religione della medianità e dell’equilibrio: non è quindi ammesso nè l’ascetismo nè la soddisfazione frenetica delle passioni.
  • L’osservazione delle prescrizioni e dei divieti nell’islam è uguale per tutti: non vi è distinzione nè favore.
  • Al di fuori dei settori di fede e di adorazione, l’islam è perfettibile, perfezionabile; ed è quello che ne fa una religione valida per ogni tempo e spazio.
  • L’islam considera uguali tutti gli esseri umani senza distinzione di nascita, di sesso o di colore.
  • L’islam è la pratica di un rapporto diretto con Allah Eccelso, non ha intermedi nè poteri spirituali autonomi: il fedele è ininterrottamente in rapporto con Il suo Creatore in tutto quello che fa, e in tutti i suoi stati.
  • L’islam è la religione della chiarezza: non vi è nessuna ambiguità; tutto vi è spiegabile.
  • L’islam rispetta la ragione e la riflessione e invita ad usarle per il bene dell’umanità.
  • L’islam permette a coloro che lo abbracciano sinceramente e si pentono, di sostituire tutti i loro peccati con delle opere buone.
  • L’islam rispetta, riconosce le altre religioni e prescrive di credervi e di amare i loro messaggeri; si considera un loro prolungamento. Gli ebrei però non riconoscono Gesù; i cristiani non riconoscono il Profeta Mohammed; i musulmani riconoscono invece Mosè e Gesù.
  • L’islam è la religione della solidarietà sociale: prescrive al fedele la misericordia, la compassione e il dovere di venire in aiuto ai poveri e ai bisognosi.
  • L’islam stabilisce un sistema di successione e distribuzione dell’eredità in modo equo e ragionevole, accettato ed accettabile da ogni mente sana. Tra i pregi di detto sistema quello di frantumare le proprietà in eredità, qualunque fossero le loro dimensioni in modo da evitare la concentrazione della fortuna in mano di pochi.
  • L’islam soddisfa le esigenze spirituali e materiali dell’uomo e stabilisce un perfetto equilibrio tra i due ordini di esigenze nella sua vita. Il principe Charles dice: L’islam può insegnarci il modo con cui capiamo e viviamo nel mondo; è quello che il cristianesimo non riesce più a fare. L’islam rifiuta di separare l’uomo dalla natura, la religione dalla scienza, lo spirito dalla materia.
Letter To the Negus, King of Abyssinia
Traduzione: Da Muhammad, il Messaggero di Allah, a Negus, il redell’Abissinia. La paces ia su colui che segue la guida. Sono grato ad Allah, non c›è Dio all›infuori diLui, e io rendo testimonianza che Gesù figlio di Maria,non era altro che uno spirito creato da Lui, ela Sua parola(‹Sii!› -E lui era), che ha conferito a Maria,la vergine, la buona, la pura, così che ha concepito Gesù. Allah lo ha creato come Egli creò Adamo dalla sua mano. Vi invito adadorare solo Allah, e di non associare qualsiasi partner con Lui e(vi invito) alla Sua obbedienza e di seguirmi e di credere inquello che è stato rivelato a me, perché io sono il Messaggero di Allah. Voi e i vostri uomini vi invito ad Allah, l›Eccelso. Rendo testimonianza che ho comunicato il mio messaggio. Vi invito ad ascoltare e ad accettare il mio consiglio. La pacesia su di lui che segue la vera guida.
Letter To Heraclius the Emperor of Rome
Traduzione: Comincio con il nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso. Da Muhammad ibn Abdullah il Messaggero di Dio, all’imperatore romano Eraclio. La pace sia su colui che segue la guida. Vi invito all’Islam. Accettate l’Islam e sarete al sicuro. Dio vi darà la doppia ricompensa. Se abbandoni il messaggio di Dio, si porterai il peccato di tutti i tuoi seguaci. Di’: “O gente della Scrittura, addivenite ad una dichiarazione comune tra noi e voi: e cioè che non adoreremo altri che Allah, senza nulla associarGli, e che non prenderemo alcuni di noi come signori all’infuori di Allah”.Se poi volgono le spalle, allora dite: “Testimoniate che noi siamo musulmani”. (3:64) Eraclioera l’imperatore dell’impero bizantino [610-641], checonquistò la Siria, la Palestina e l’Egitto dalla Persia [613-628]
Letter To Moqoqas the Ruler of the Christians in Egypt
Traduzione: Comincio con il nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso. Da Muhammad ibn Abdullah il Messaggero di Dio per Muqauqas il Sovrano dei Cristiani in Egitto. La pace sia su colui che segue la guida. Vi invito all’Islam. Accettate l’Islam e sarete al sicuro. Dio vi darà la doppia ricompensa. Se abbandoni il messaggio di Dio, porterai il peccato di tutti i tuoi seguaci. Di’: “O gente della Scrittura, addivenite ad una dichiarazione comune tra noi e voi: e cioè che non adoreremo altri che Allah, senza nulla associarGli, e che non prenderemo alcuni di noi come signori all’infuori di Allah”.Se poi volgono le spalle, allora dite: “Testimoniate che noi siamo musulmani”. (3:64)