La sacra Kaaba

La sacra Kaaba

Quando Ismaele nacque da Hajer, moglie di Abramo, l’altra moglie di Abramo, Sara si ingelosì e ordinò ad Abramo di allontanarli;

Spiegazioni scientifici nel Corano

Spiegazioni scientifici nel Corano

Il Corano è stato rivelato a Muhammad - pace e benedizione di Allah su di lui-, un uomo analfabeta in un ambiente di analfabeti per non dare alcun pretesto al dubbio riguardo alla missione di Muhammad .

Chi è il messaggero dell’islam?

Chi è il messaggero dell’islam?

Il Messaggero di Allah è Abul Kassim Muhammad Ibn Abdullah Ibn Abdul Muttalib, la sua genealogia risale a Adnan dal figlio di Ismaele profeta di Allah, Ibn Ibrahim, soprannominato Khalil Allah (oppure l’amico prediletto di Allah) (pace su di loro). Muhammad nacque nell’anno 571 dopo Cristo, alla Mecca, considerata il centro religioso della penisola arabica.

I diritti nell’islam

I diritti nell’islam

L’islam ha prescritto dei diritti e dei doveri a tutti i suoi fedeli, ognuno secondo la propria posizione : i due genitori hanno dei diritti ed ognuno dei coniugi ha dei diritti e dei doveri; i figli hanno dei diritti ed i vicini hanno dei diritti.

Introduzione: Le chiavi per Capire l'islam

Allah dice: Dite: (Crediamo in Allah e in quello che è stato fatto scendere su di noi e in quello che è stato fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e sulle Tribù, e in quello che è stato dato a Mosè e a Gesù e in tutto quello che è stato dato ai Profeti da parte del loro Signore, non facciamo differenza alcuna tra di loro e a Lui siamo sottomessi).(Corano 2:136)

Mentre il modo di vita conosciuta come Islam continua come la religione della maggior popolazione del mondo -la sottostima tradizionale dei musulmani dagli statistici occidentali-nonostante la disponibilità di informazioni utili sull›Islamche parla per le esigenze sia dei musulmani praticanti così come per gli altri interessati che hanno faticato a tenere il passo con la comunità in espansione. Ironicamente, il post 11 /9 la frenesia che ha colpito le società occidentali con un raro e spesso odio irrazionale verso il mondo islamico, contemporaneamente, ha suscitato l›interesse dei più curiosi occidentali non musulmani, pensierosi il quale scetticismo sui conti dei mass media di predatori «estremisti islamici» e «USA odiatori «non coincide con le loro esperienze personali dei musulmani che incontrano nei loro quartieri, nelle loro classi, o sui loro posti di lavoro. Di conseguenza, essi cercano la verità della religione e si metteno autonamente a cercare le risposte alle domande che vengono ignorate dai media popolari, o alle quali viene data la familiarità «spin» che sottoscrive la disinformazione. Ciò che ne risulta è un vuoto informativo che grida per ottenere una risposta seria significativa.

Abdul-Rahman al-Sheha, nel suo compendio innovativo «Le chiavi per capire l›Islam», ha affrontato non solo questa necessità, ma ha introdotto un formato che è di «uso facile», costruito in modo univoco in quanto è completo e accademico.

La rinascita islamica che ha accompagnato i musulmani a liberarsi dal colonialismo nella metà del 20° secolo non ha sofferto di una carenza di studiosi o borse di studio finalizzate a consolidare nuove libertà trovati all›interno della divina Misericordia del Libro di Allah e le tradizioni del Suo nobile Profeta. Anzi, il genio di questi saggi musulmani ha contribuito a ricostruire il quadro che ospita i movimenti islamici risorgenti di oggi. Ma molti se non tutti questi definitivamente trattati islamici sono scritti in un linguaggio e in uno stile che si rivolgono a coloro che, per la maggior parte, sono già musulmani, e che conoscono i termini scientifici. Le Chiavi di Al-Sheha, in un volume semplicemente scritto, offre una ricchezza di informazioni che è, al tempo stesso, rivela al non-musulmano che cerca una comprensione chiara e concisa di ciò che è, e ciò che non è l›islam, pur fornendo un›estremamente ben inventario delle rassegne tradizionalmente di provenienza sulla fede, di culto, e le questioni sociali per il musulmano praticante-organizzato. Chiaramente, questo approccio per l›erogazione dell›informazioni critiche sul messaggio di affermazione della vita dell›Islam rappresenta un›opportunità nuova e del tutto invitante per presentare l›Islam, mantenendolo i suoi principi della Fede integri e immutabili.

Le chiavi per capire l’Islam combina la perspicace e l›essere ben informato dello studioso con l›empatia di un ricercatore socialmente consapevole. Il risultato è una narrazione informativa, avvincente che tratta, per esempio, gli elementi essenziali del culto musulmano, e l›interpretazione islamica astrofisica, al-Haitham, e Edwin Hubble, con uguale chiarezza e sovranità, e, soprattutto, collega tutto ciò con opportuni riferimenti dal Corano, le tradizioni profetiche, o entrambi. L›ampiezza e la profondità del tema trattato è davvero notevole, e si pone come una testimonianza dell›enorme talento e la sagacia dell›autore.

Nel suo contenuto, il suo stile, il suo singolo importante contributo al dialogo mondialesulla religione nella vita contemporanea, «Le chiavi per capire l›Islam» di al-Sheha prende il suo posto tra le opere più importanti del suo genere, ma ridefiniscei contorni di questa discussione, nello stabilire i metodi migliori,illuminando le basi islamiche della scienza e della cultura europea. Edè un lavoro veramente seminale che si spera di influenzare la prossima generazione di Studiosi musulmani che scelgono di seminare i campi incolti della loro vita presentando l›Islam. Preghiamo per l›accettazione universale di questa generosa offerta, e preghiamo Dio, l›Onnipotente, l›Unico, il Sublime, di infondere i musulmani e i disponibili non musulmani con la guida e la conoscenza delmeglio in questo mondo, e il meglio per questa vita e quella nell›aldilà.

Direttore di ricerca e sviluppo per l’associazione di Dawah in Canada
Professor Kamal Hassan Ali, M. Ed., Ed.D.
Westfield State College, Westfield, MA, USA